Buon compleanno Ostaggi del cibo

3 anni fa nasceva il mio mio progetto Ostaggi del cibo. È passato un po’ di tempo e sono contenta dei risultati ottenuti. Grazie a chi mi ha supportato, ai miei pazienti che sono fonte di speranza e coraggio. Nei miei articoli c’è sicuramente un pezzo di me ma tanto appartiene al loro sentire, a quelle emozioni che loro mi passano e che cerco di tradurre in parole. E grazie a tutti quelli che mi supportano anche solo con un like ai post di Facebook, a chi ora sta leggendo questo ringraziamento fino alla fine. E si va avanti perché Ostaggi del cibo è una rubrica, un momento di riflessione e di sensibilizzazione verso chi non conosce questo tipo di disturbo e lo sottovaluta. E sono dalla parte di chi, prima di mangiare, chiede il permesso al cibo, di chi si sente sopraffatto da piatti che divorano e sembrano famelici, di chi utilizza il cibo per colmare o placare vuoti enormi. La psicologia e la fotografia si fondono, la teoria e la pratica si completano per offrire un quadro che è forza, dolore, controllo, amore e mancanza. E sono dalla parte di chi, troppo poco spesso si accorge che curare il corpo significa nutrire.

Repost della poesia Ostaggi del cibo che inaugurava il blog il 28 aprile del 2016.

Prede e ricatti.

Sofferenza e speranza.

Vittime indiscriminate di un dolore sordo.

Anime prigioniere di se stesse. 

Piatti come macigni, voragini scivolose, vicoli ciechi che non meritano fiducia.

Sono ostaggio del cibo: lo vedo come un nemico, mi spaventa il suo potere.

Come un carnefice mi sevizia con i suoi odori, tenta iI mio desiderio per poi costringermi a serrare la bocca.

Sono prigioniera del cibo, che influenza la mia vita, mi obbliga. La sua forza mi sottomette.

Sul mio palato rimane solo l’amaro, il sapore indistinto di rinuncia e dolore.

Aspetto.

Chi mi salverà dalla conta senza sosta delle calorie ingerite? Chi mi solleverà dall’infame senso di colpa?

Chi ascolterà il mio grido? Chi colmerà il mio vuoto?

Il mio corpo cambia, si trasforma, ma non è mai abbastanza.

Facebooktwittermail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *