Insostenibile pesantezza

 img-20160826-wa0007

Indosso chili di troppo.

Sono l’abito dell’insoddisfazione.

Una veste imbarazzante ricamata di vergogna e senso di colpa.

Ha la forma dell’esagerazione, è lacero il suo aspetto.

Vorrei liberarmi, trasformarmi, assomigliare alla leggerezza.

Il mio desiderio di perdere un grammo è la meta per guadagnare chili di libertà.

Sono un tutt’uno con il mio peso, che detta legge alla mia anima, la sottomette, scoraggia.

E adesso anche l’abito stretto della frustrazione conosce la mia misura.

Nell’ambito del progetto Ostaggi del cibo, con questo testo si completa il quadro delle categorie che definiscono i disturbi alimentari “propriamente detti”, Anoressia, Bulimia, BED. Nei precedenti articoli ho condiviso i miei pensieri e le mie riflessioni su quella che è la sofferenza che i pazienti portano nei loro racconti, vivono nel loro corpo. Perché al di là della magrezza o della pesantezza, delle restrizioni o delle abbuffate, delle qualità o della quantità dei cibi, i disturbi alimentari sono una modalità comunicativa, sono una strada per esprimere la sofferenza, un grido d’aiuto che dovrebbe fare eco nella coscienza di tutti.
Facebooktwittermail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *