Assaggi di consapevolezza

1 settembre 2020

Mi chiamo Carmen Settanta e sono una psicologa, psicoterapeuta, insegnante di mindful eating. Sono dieci anni ormai che mi occupo di supportare le persone che soffrono di un disturbo alimentare che sia anoressia, bulimia, disturbo da alimentazione incontrollata. Ma poi poco importa l’etichetta, diciamo che cerco di aiutare le persone a trovare altri modi oltre il cibo per gestire la sofferenza, a guardarsi allo specchio con più amore e gentilezza verso se stessi e con meno giudizio, a smettere di fare la guerra al proprio corpo perché è una partita contro se stessi che non garantisce nessuna vittoria. E oggi 1 settembre 2020 ho deciso di usare i social per scrivere pensieri e riflessioni, perché spero di poter arrivare sia alle persone che soffrono sia a chi invece vuole imparare a dedicare più attenzione ai segnali che il nostro corpo ci invia quando è in procinto di iniziare o smettere di mangiare. Li chiamerò “assaggi di consapevolezza” che spero possano offrire spunti, riflessioni e idee per ascoltare la nostra pancia con molta più attenzione, gentilezza e rispetto. E ho scelto settembre che per me è  un po’ come uno spartiacque. Nella mia esperienza l’ho sempre un po’ sentito come un nuovo inizio, forse più del mese di gennaio. E’ chiaramente legato alla percezione che ognuno dà del proprio tempo. Il tempo non sa se è l’inizio o la fine, il tempo scorre inesorabilmente, inevitabilmente. E io oggi gli do l’accezione di attenzione e consapevolezza ma che sia soprattutto un tempo per l’esplorazione di se stessi e del proprio sentire. Che sia un tempo fresco e rigoglioso, pieno di speranza e profumo  come questo basilico!!! Buoni assaggi di consapevolezza a tutti!

Facebooktwittermail

Mindful Eating Torino, cibo per il cuore, cibo per la mente

Davvero tanto è il tempo che non scrivo sul mio blog ma è successo un po’ di tutto, la vita è andata avanti e ha fatto il suo corso (in ogni senso!). Sono tornata? No. In realtà ci sono sempre stata ma ora eccomi pronta a scrivere di un aggiornamento, di un progetto a cui tengo tantissimo: la mindful eating ovvero l’alimentazione consapevole. Ma di cosa sto parlando? E cosa c’entra il cuore con il cibo? Perché dovremmo essere consapevoli di quello che la pancia ci chiede di mangiare? La creazione del progetto Mindful Eating Torino vuole rispondere a queste e a tante altre domande sul tema dell’alimentazione consapevole. Per iniziare a riflettere sul rapporto tra come ci nutriamo e come stiamo, con noi stessi e con gli altri. Per capire finalmente che le emozioni sono il nostro nutrimento principale: sono loro che ci fanno sentire affamati o sazi.

Facebooktwittermail

POTERE AL CORPO

Potere al corpo, teatro delle nostre esistenze. Che spesso ci dimentichiamo di avere o diamo per scontato. Quello che ci permette di gioire, piangere, mangiare, dormire, godere, arrabbiarci, abbracciarci.

Potere al corpo che ci mette in relazione con il mondo, ci fa sentire l’altro, la sabbia sotto i piedi, il vento sulla pelle, la barba dei baci di papà, il solletico lungo i fianchi. 

Potere al corpo che vive di cibo e si nutre. Che sa riconoscere un gusto autentico. 

Potere al corpo che si trasforma e cambia. Che chiede una chance e merita fiducia. 

Potere al corpo che esalta le nostre emozioni, dà forza al nostro sentire.

Potere al corpo e non solo alla mente.

Potere al corpo che grida verità sempre e regala vita.

Facebooktwittermail

MINDFUL EATING: la scelta di vivere il cibo con leggerezza

Sì, credo che il titolo che ho immaginato per questo articolo dia voce al mio sentire e rappresenti la scelta di vita che ho fatto, perchè ho sposato il mindful eating nella mia quotidiniatà oltre che nell’uso professionale. Sono diventata insegnante di alimentazione consapevole, questa la traduzione italiana di mindful eating. Questo titolo lo spendo tutti i giorni nel mio fare la psicoterapeuta. Lavoro, da una decina di anni, con pazienti che vivono il cibo come un’ossessione e che come migliore nemica hanno una bilancia che dice che valgono poco come persone. Si guardano allo specchio e non si piacciono quasi mai. Noi abbiamo visto solo nel film d’animazione Alice nel paese delle meraviglie, biscotti che chiedono di essere mangiati, ma ci sono alcune persone che tutti i giorni devono fare i conti con il cibo che sembra voler divorare il loro cuore. A maggio scorso ho conseguito il titolo che mi vede insegnante di mindful eating abilitata che rappresenta un’esperienza e un valore in più. Sono stata a Padova per 5 giorni in un monastero che ha racchiuso il mio silenzio. La condivisone con i miei compagni di viaggio è diventata un dono e questo attestato apre la strada ad un percorso che necessita comuqnue di pratica quotidiana e costante. Per sensibilizzare al tema del mindful eating, insieme ad altre colleghe, ho creato questa pagina internet che spiega che cos’è e che cosa non è il mindful eating http://mindfuleatingtorino.it. Per me Mindful Eating è un modo per iniziare a riflettere sul rapporto tra come ci nutriamo e come stiamo, con noi stessi e con gli altri. E’ una via, una scelta di vita. Per capire che le emozioni sono il nostro nutrimento principale: sono loro che ci fanno sentire affamati o sazi.

Facebooktwittermail

Buon compleanno Ostaggi del cibo

3 anni fa nasceva il mio mio progetto Ostaggi del cibo. È passato un po’ di tempo e sono contenta dei risultati ottenuti. Grazie a chi mi ha supportato, ai miei pazienti che sono fonte di speranza e coraggio. Nei miei articoli c’è sicuramente un pezzo di me ma tanto appartiene al loro sentire, a quelle emozioni che loro mi passano e che cerco di tradurre in parole. E grazie a tutti quelli che mi supportano anche solo con un like ai post di Facebook, a chi ora sta leggendo questo ringraziamento fino alla fine. E si va avanti perché Ostaggi del cibo è una rubrica, un momento di riflessione e di sensibilizzazione verso chi non conosce questo tipo di disturbo e lo sottovaluta. E sono dalla parte di chi, prima di mangiare, chiede il permesso al cibo, di chi si sente sopraffatto da piatti che divorano e sembrano famelici, di chi utilizza il cibo per colmare o placare vuoti enormi. La psicologia e la fotografia si fondono, la teoria e la pratica si completano per offrire un quadro che è forza, dolore, controllo, amore e mancanza. E sono dalla parte di chi, troppo poco spesso si accorge che curare il corpo significa nutrire.

Repost della poesia Ostaggi del cibo che inaugurava il blog il 28 aprile del 2016.

Prede e ricatti.

Sofferenza e speranza.

Vittime indiscriminate di un dolore sordo.

Anime prigioniere di se stesse. 

Piatti come macigni, voragini scivolose, vicoli ciechi che non meritano fiducia.

Sono ostaggio del cibo: lo vedo come un nemico, mi spaventa il suo potere.

Come un carnefice mi sevizia con i suoi odori, tenta iI mio desiderio per poi costringermi a serrare la bocca.

Sono prigioniera del cibo, che influenza la mia vita, mi obbliga. La sua forza mi sottomette.

Sul mio palato rimane solo l’amaro, il sapore indistinto di rinuncia e dolore.

Aspetto.

Chi mi salverà dalla conta senza sosta delle calorie ingerite? Chi mi solleverà dall’infame senso di colpa?

Chi ascolterà il mio grido? Chi colmerà il mio vuoto?

Il mio corpo cambia, si trasforma, ma non è mai abbastanza.

Facebooktwittermail